Rifletti un po’ in silenzio su queste semplici domande.


Che cosa significa per me la Cresima ?



Che cosa dona alla mia vita di Cristiano?


Ricorda che cosa ti è stato tante volte detto al catechismo.


CRESIMA è:

  1. l’effusione dello Spirito Santo con la ricchezza dei suoi doni.

  1. Il sacramento della pienezza

  1. Il sacramento della riconferma libera e consapevole del Battesimo

  1. la nostra personale “Pentecoste”.

  1. Il sacramento dell’impegno personale.

  1. Il sacramento della testimonianza.

  1. Il sacramento della fortezza contro il male.

  1. Il sacramento che rafforza la nostra fede.

  1. Il sacramento che ci rende ancor più simili a Cristo

(Cristòs = unto, consacrato, inviato).


La Cresima non è un sacramento a sè stante, ma collegato all’Eucarestia e alla Confessione.


I cresimati, rinati nel Battesimo:

- ricevono il dono dello Spirito Santo con il quale sono arricchiti di una forza speciale e sono segnati dal carattere del medesimo sacramento;


- sono collegati più perfettamente alla Chiesa, mentre sono più strettamente obbligati a diffondere e a difendere, con la parola e con l’opera, la loro fede, come autentici testimoni di Cristo.





La sera che cambiò la storia:

E’ la sera di una grande festa per gli Ebrei: la Pentecoste. La gente arriva da molti paesi. Sono passati ormai 50 giorni dalla Resurrezione di Gesù e gli apostoli con la Vergine Maria si trovano nel cenacolo in preghiera. Essi non sanno ancora bene cosa fare e sono ancora un po’ increduli. Improvvisamente si sente dal cielo un grande rumore, come un terremoto, o un uragano. Un forte vento riempie tutta la casa; delle fiamme strane, simili a lingue di fuoco, si muovono fermandosi poi sopra gli apostoli. Si guardano, si sentono diversi, cambiati, nuovi dentro. Maria sorride, i loro volti sono radiosi. Tutti hanno dentro una forza nuova e una gioia dirompente. Lo Spirito Santo è disceso !!!!!!


(Confronta Atti degli Apostoli capitolo 2)










Lo Spirito è come

il fuoco





Illumina. Lo Spirito Santo dona la luce che permette di vedere oltre quello che gli occhi del corpo ci consentono: mi consente di vedere negli altri dei fratelli, nelle cose che mi circondano dei doni, negli eventi che accadono occasioni di grazia, nei singoli fatti le tappe di un cammino che mi avvicina a Dio.

Come la luce mi permette di orientarsi, di sapere dove metto i miei piedi, dove sto andando così lo Spirito Santo mi aiuta a comprendere le varie situazioni nelle quali è necessario scegliere tra bene e male. Lo Spirito Santo è una luce interiore che permette di comprendere quello che Dio vuole da noi e suggerisce le scelte giuste al momento giusto.


Purifica e fonde. Lo Spirito Santo ti libera dalle scorie, purifica, sterilizza dai “microbi spirituali”. Lo Spirito Santo ci libera dalle incertezze e rende il nostro cuore puro, leale , onesto e vero.


Riscalda. Lo Spirito Santo scioglie il ghiaccio dell’indifferenza, rende più vivibile un ambiente e porta calore nel cuore. Lo Spirito Santo riscalda, perché è amore. Se ci lasciamo abitare da lui, compie gesti meravigliosi e dove c'è lo Spirito lì c’è amore vero per tutti.






Lo Spirito Santo è come il vento





Soffia sempre

Lo Spirito Santo è sempre al lavoro, agisce anche se noi non ce ne accorgiamo. Come il vento non sappiamo di dove viene né dove va così lo Spirito di Dio misteriosamente agisce nella storia dell’umanità.


Mette tutto in movimento

Lo Spirito Santo ci mette in movimento: ci scuote, ci aiuta a liberarci dalla pigrizia. Riempie di “amore” le vele della nostra vita.

Dona una vita “nuova”

Come il vento è il “respiro” della natura e consente il rinnovarsi della vita sulla terra così lo Spirito Santo rinnova la nostra fede: spinge via le nebbie dell’abitudine, della pigrizia e del dubbio e fa risplendere su di noi la luce del Vangelo.



















Vieni o Spirito Santo in me

con il tuo fuoco ardente,

con la tua luce che risplende.

Dona luce al mio cuore e rendilo capace di amare, alla mia mente e rendila capace di capire quello che devo fare, ai miei occhi e rendili capaci di vedere le cose meravigliose che mi doni, alla mia vita e rendila capace di comunicare gioia a quelli che mi sono accanto. Accresci in me il desiderio del bene e rendimi capace di collaborare all’edificazione di un mondo più bello.











Intelletto

Ti consente uno sguardo più profondo.

Non accontentarti delle prime impressioni ricerca sempre la verità su tutto.


Dal latino “intus legere” = leggere dentro, in profondità.


Consiglio

Orienta le tue scelte di fronte alle alternative che la vita ti propone. Ti dice: fai attenzione prima di decidere, rifletti, verifica, non essere precipitoso, non tutto è bene per te!


Dal latino “consulere” = decidere.








Fortezza

Ti aiuta ad essere fedele, a compiere il bene che ti sei proposto fino in fondo, senza lasciarti portare fuori strada. Hai un sacco di belle doti da usare, per fare del bene, per mantenere le tue promesse i tuoi impegni. Sembra ripeterti: Coraggio, con l’aiuto di Dio, ce la farai!


Dal vocabolario: “capacità di affrontare le situazioni più difficili”.


Scienza


Ti aiuta nella comprensione dei misteri della fede e della parola di Dio.

Ti mostra come la Parola di Dio può guidarti le situazioni, in quelle tristi come in quelle liete e aiutarti a vedere i bisogni degli altri.


Dal latino “scire” = conoscere…













Timore di Dio


Ti ricorda una cosa fondamentale: Dio ti conosce, ti ama e vuole per te il bene. Perciò devi preoccuparti di evitare tutto ciò che lo può offendere e di cercare tutto ciò che è secondo il suo volere.


Dal vocabolario: “sentimento di rispetto, paura di far soffrire”.

Pietà


Riempie il tuo cuore di tenerezza e di amore verso Dio. Volgi a Dio il tuo cuore nella preghiera e avrai una gioia grande e piena!


Dal latino: “pietas” = amore dei figli verso il padre.











Sapienza

Ti aiuta a gustare la vita: perché tu possa amare bene gli amici, la gente, il creato ... Ti dice: vivi, non vivacchiare! Vivi, non lasciarti vivere! Vivi e vivi con gioia !


Dal latino: “sapere” = avere sapore .










Sei ormai vicino alla data della S. Cresima, pensa all’importanza di questo nuovo dono di Dio, lo Spirito Santo.


Riceverai lo Spirito Santo con i suoi sette doni. Li invocheremo tutti insieme per te ma tu devi essere pronto ad accoglierli e ad “adoperarli” per la tua vita di cristiano.


Con la S. Cresima ti confermi figlio di Dio ed entri ufficialmente nella Chiesa di Gesù Cristo. Sei pronto ad impegnarti sempre con dedizione nella Parrocchia, partecipando alla S. Messa e pregando sempre con fede e amore?


La Cresima -si diceva un tempo- ti rende soldato di Gesù Cristo”, oggi si preferisce dire testimone. Ma ricorda sempre che sei chiamato a testimoniare l’amore di Dio nella società, a scuola, con gli amici e in famiglia con i tuoi cari.

Sì, è difficile perché tante volte andrai controcorrente, non sei chiamato a vivere secondo le mode o le mentalità del presente, ma secondo l’insegnamento del Vangelo, come tanti prima di noi hanno fatto con grande fedeltà convinti che Gesù è la via, la verità e la vita e merita, ed è gioia vera, seguire i suoi insegnamenti.


Con la Cresima tu farai una grande promessa, un giuramento: confermerai le Promesse Battesimali. I tuoi genitori l’hanno fatto per te nel giorno del tuo battesimo, ora in prima persona devi confermare la tua fede in Gesù Cristo il Figlio Redentore, in Dio Padre e nello Spirito Santo che riceverai in dono.





Il giorno della tua Cresima non finisce la tua esperienza nella Parrocchia, ma inizia una nuova vita più intensa e nello stesso tempo più impegnativa, incomincia il tuo personale cammino di fede che ti porterà a capire quello che Dio vuole da te! Allora ... coraggio!!!





Piccolo Vocabolario del Cresimando


Cristo (dal greco: cristos = unto)

Nell’antico Israele l’unzione sacra era il gesto con cui si affidava una missione, un compito: ai re, ai sacerdoti e ai profeti. Unto significava dunque “inviato da qualcuno per compiere qualcosa di importante.

Gesù è chiamato il Cristo in quanto è l’inviato dal Padre a compiere la Missione più grande, la redenzione dell’uomo.


Cresima


Dalla stessa parola greca significa: unzione, consacrazione.

É il sacramento che rinnova in noi il dono dello Spirito Santo, come fu ricevuto dagli apostoli nel giorno della Pentecoste. É la nostra pentecoste! Si chiama anche Confermazione in quanto conferma la grazia che abbiamo ricevuta nel Battesimo


Crisma

É l’olio benedetto dal Vescovo nella Messa del giovedì santo. É usato nella celebrazione del battesimo e della cresima. É anche usato nell’ordinazione sacerdotale ed episcopale: con questo olio vengono unte le mani dei sacerdoti e il capo dei nuovi vescovi. Prima di essere benedetto all’olio d’oliva si aggiunge del balsamo (unguento profumato), per ricordare che, coloro che da questo olio saranno unti, devono impegnarsi a diffondere nel mondo, secondo l’espressione usata dall’apostolo Paolo, “il buon profumo di Cristo”; lo faranno con una vita coerente agli insegnamenti della chiesa, con le opere di carità, con la preghiera e diffondendo la parola del vangelo.


Vescovo

É il pastore a cui è affidata quella parte del popolo di Dio che si chiama Diocesi.

É per noi il successore degli Apostoli.

Imposizione delle mani


É un gesto antichissimo già praticato dagli apostoli, come ci racconta il libro degli Atti degli Apostoli

É il gesto che vuole significare la discesa dello Spirito Santo. Si ripete in tutti i sacramenti, ma è particolarmente visibile nella Cresima, quando sui cresimandi il Vescovo stende le mani e invoca i doni dello Spirito Santo.


Carattere


É un segno invisibile, ma reale, che è impresso nell’anima nostra e che nessuno potrà mai cancellare. Questo segno ci distingue nel battesimo come Figli di Dio, nella cresima come discepoli e testimoni di Gesù, e nell’ordine sacro come ministri di Dio.

PREGHIERE DEI FEDELI (da far preparare ai ragazzi)



PER IL PAPA E PER TUTTI I SACERDOTI









PER IL MONDO E PER LA PACE









PER TUTTI I POVERI DELLA TERRA









PER LE NOSTRE FAMIGLIE









PER LA NOSTRA PARROCCHIA









PER NOI CHE OGGI RICEVIAMO LA CRESIMA





RITO DELLA CONFERMAZIONE



RINNOVAZIONE DELLE PROMESSE BATTESIMALI


Vesc. - Rinunciate a Satana e a tutte le sue opere e seduzioni?

Cres. - RINUNCIO.


Vesc. - Credete in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra?

Cres. - CREDO.


Vesc. - Credete in Gesù Cristo, suo unico Figlio, nostro Signore, che nacque da Maria Vergine, morì e fu sepolto è risuscitato dai morti e siede alla destra del Padre?

Cres. - CREDO.


Vesc. - Credete nello Spirito Santo, che è Signore e dà la vita, e che oggi, per mezzo del sacramento della Confermazione, è in modo speciale a voi conferito, come già agli Apostoli nel giorno di Pentecoste?

Cres. - CREDO.


Vesc. - Credete nella Santa Chiesa Cattolica, la comunione dei Santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne e la vita eterna?

Cres. - CREDO.


Vesc. - Questa è la nostra fede. Questa è la fede della Chiesa. E noi ci gloriamo di professarla, in Cristo Gesù nostro Signore.

Tutti - AMEN.


IMPOSIZIONE DELLE MANI

Vesc.- Fratelli carissimi, preghiamo Dio Onnipotente per questi suoi figli:

Egli che nel suo nome li ha rigenerati alla vita eterna mediante il Battesimo, e li ha chiamati a far parte della sua famiglia, effonda ora lo Spirito Santo, che li confermi con la ricchezza dei suoi doni, e con l'unzione crismale li renda pienamente conformi a Cristo, suo unico Figlio.


(Tutti pregano per qualche istante)


Vesc. - Dio onnipotente, Padre del Signore nostro Gesù Cristo, che ha rigenerato questi tuoi figli dall'acqua e dallo Spirito Santo, liberandoli dal peccato, infondi in loro il tuo santo Spirito Paraclito:

spirito di sapienza e di intelletto, spirito di consiglio e di fortezza, spirito di scienza e di pietà, e riempili dello spirito del tuo santo timore.

Per Cristo nostro Signore.


Tutti: AMEN.

C

Il padrino è a fianco del cresimando( sulla sua sinistra). Poggia la sua mano destra sulla spalla destra del ragazzo e giunto davanti al Vescovo pronuncia con voce chiara il nome del ragazzo, come presentandolo al Vescovo.


I ragazzi non rimangano “imbambolati”, ma pronuncino chiare le loro risposte, specialmente quelle segnate dalla freccia

RISMAZIONE


Vesc. - Ricevi il Sigillo dello Spirito Santo,

che ti è dato in dono


Cres. - Amen


Vesc. - La pace sia con te ( e da il segno di pace )


Cres. - E con il tuo spirito.